Ueshiba

Che cosa è AIKIDO?

L’aikido è un’arte poliedrica che affonda le sue radici nella storia della cultura giapponese discendendo dall’antica tradizione dei samurai. La sua realizzazione moderna è dovuta all’opera di Morihei Ueshiba (1883-1969), che con spirito indomabile andò elaborando nel corso dell’intera vita una sintesi originale delle forme tradizionali di combattimento ricomponendole alla luce di una nuova filosofia.

A prima vista l’Aikido si presenta come un elegante metodo di autodifesa personale finalizzato alla neutralizzazzione, mediante bloccaggi, leve articolari, di uno o più aggressori disarmati o armati.

Sintesi ed evoluzione di antiche tecniche mutate dal Jujutsu classico e dal Kenjutsu (la pratica della spada), l’ Aikido trova la propria originalità ed efficacia in una serie di movimenti basati sul principio della rotazione sferica.

Immagine

Contrariamente ad altre arti marziali incentrate su movimenti lineari (avanti, indietro, in diagonale), le tecniche dell’Aikido si fondano e si sviluppano su un movimento circolare il cui perno è colui che si difende.
In tal modo egli stabilisce il propio baricentro, disturba quello dell’avversario attirandolo nella nella propria orbita, e può sfruttare a proprio vantaggio l’energia prodotta dell’azione aggressiva fino a neutralizzare.
La perfezione assoluta dell’esecuzione è direttamente proporzionale alla realizzazione del più totale coordinamento che comanda l’azione e il corpo che la segue senza la minima interposizione del pensiero cosciente.Mente e corpo , a livelli più alti della pratica, vengono integrati dall’azione Ki, l’energia cosmica che nelle filosofie tradizionali orientali permea l’universo e ogni essere vivente, e che può essere attivata mediante appositi esercizi di respirazione addominale eseguiti con grande costanza.

L’ Aikido travalica quindi i limiti della semplice padronanza tecnica auto difensiva e si caratterizza da un lato come metodo superiore di integrazione e di coordinamento tra la mente e il corpo, dall’altro come mediazione in movimento e come via di auto conoscenza profonda da perseguirsi attraverso il superamento del pensiero cosciente e con la ricerca di un agire che scaturisca dall’immediatezza intuitiva.